Home » » Vecchia, qualificazione rimandata

 

Vecchia, qualificazione rimandata

CALCIO COPPA ITALIA ECCELLENZA Negli ottavi d’andata Boreale sconfitta 4-3 al Tamagnini. Il centrocampista Di Ventura: «Abbiamo vinto ma non siamo soddisfatti»

MARCO GRANDE

Ennesima prestazione complessivamente positiva per il Civitavecchia Calcio 1920, uscito vincitore per 4-3 al Tamagnini nel confronto con la Boreale Don Orione, in quello che è stato il match d'andata degli ottavi di finale di coppa Italia.
I nerazzurri avevano già avuto modo di conoscere la formazione romana in occasione del settimo turno di campionato, quando a Roma si erano imposti per 1-2 in virtù delle reti di Toscano e Ruggiero in un match sofferto da parte di entrambe le squadre. Oggi, invece, non si può affatto parlare di dominio totale della Vecchia, che ha controllato la sfida per buona parte della partita, prima di crollare sul piano psicologico e di concedere agli avversari le successive marcature che li fanno obiettivamente ben sperare in vista del ritorno.
Nonostante all'inizio sia la Boreale a pressare alto, la prima occasione da rete arriva nelle file dei nerazzurri, con Tabarini che è abile a sfruttare il passaggio di Feuli e al contempo lesto nello spiazzare l'estremo difensore avversario Zonfrilli.
Al decimo il Civitavecchia corre un pericolo non indifferente: Tomaselli è atterrato all'interno dell'area di rigore da Fatarella e secondo il direttore di gara sussistono gli estremi per concedere il penalty. Lo stesso Tomaselli, tuttavia, in virtù di uno splendido intervento di Nunziata fallisce l'occasione del pari, che però arriva al 16esimo grazie all'incursione vincente di Anzuini, il quale deposita il pallone laddove il portiere 26enne non può giungere.
Un giro di orologio più tardi, però, è ancora la squadra di patron Presutti a passare con Serpieri che, dopo aver ricevuto palla da Bevilacqua, si immette nell'area di rigore avversaria e sfodera un tiro che si deposita alla sinistra del portiere per il goal del 2-1.
Al 24esimo, poi, un lancio di Di Ventura trova un concreto Tabarini che si inserisce tra due giocatori della Boreale e porta sul 3-1 il risultato di una sfida ricca di emozioni. Cresce il rammarico per la Vecchia che nel primo tempo avrebbe potuto concretizzare altre due nitide palle goal mai sfruttate da parte di Tabarini e Mondelli.
Nella ripresa due tentativi da parte di Romani non andati a buon fine testimoniano che la squadra ospite è ancora mentalmente in partita e la successiva rete del 2-3 ne è la conferma: ancora un'iniziativa dello scatenato Tomaselli si conclude con il giocatore avversario atterrato in area e con l'assegnazione di un altro rigore per la squadra romana. A calciare però questa volta ci pensa Barbetti che segna la marcatura del 2-3; il successivo goal di Cerroni sembra porre i titoli di coda sulla sfida ma nel calcio, si sa, nulla è da considerare come scontato e la Boreale apporta alla partita il proprio terzo sigillo che sul piano psicologico potrebbe costituire un'arma in più in vista della sfida di ritorno. Il goal arriva sempre su calcio di rigore ma questa volta a incaricarsi della battuta c'è Tomaselli, il quale riscatta il tiro sbagliato in avvio di match e rimanda il discorso qualificazione alla riproposizione dell'incontro che si disputerà a Roma tra sole due settimane.
Della sofferta vittoria di ieri , intanto, ha parlato il mediano Mario Di Ventura: «La nostra gara è stata molto vivace - afferma il centrocampista- e posso dire che nel corso del primo tempo abbiamo imposto il nostro gioco e abbiamo cercato di avere il controllo della sfida, infatti abbiamo chiuso sul 3-1. Nella ripresa, a causa del nostro demerito, ci siamo fatti rimontare; in questa circostanza ha giocato molto a nostro sfavore la superficialità e l' inesperienza da noi mostrata, che ci hanno portato addirittura a concedere tre rigori. Potevamo chiuderla tranquillamente oggi e invece siamo costretti a rimandare tutto al ritorno contro una squadra che non è da considerare "materasso": stiamo infatti parlando di un gruppo che sta raccogliendo meno punti di quanti ne avrebbe dovuti avere allo stato attuale. Abbiamo vinto ma non siamo soddisfatti; dobbiamo colmare le mancanze che non sono tattiche ma riguardano puramente fattori mentali».
Tutto rimandato alla sfida che si terrà tra due settimane, con la Vecchia che sentirà il peso delle tre reti subite in casa ma che, al contempo, sarà stimolata proprio da questa situazione nel passare il turno, obiettivo che sembra essere difficile ma non impossibile da conseguire.

(06 Nov 2019 - Ore 19:38)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy