MARTEDì 15 Ottobre 2019 - Aggiornato alle 20:49

Home » » Svegliarsi sotto i ferri? Un test lo eviterà

 

Svegliarsi sotto i ferri? Un test lo eviterà

Dagli Usa arriva un'esame ad hoc che valuta in tempo reale lo stato di coscienza

E' l'incubo di chiunque debba sottoporsi a un intervento chirurgico: risvegliarsi prima del tempo dall'anestesia, mentre il medico sta ancora operando. Per scongiurare questo rischio, molto basso ma comunque presente, gli esperti del Weill Cornell Medical College di New York hanno messo a punto uno speciale 'test di coscienza' descritto sul Journal of Neuroscience. Le persone si svegliano dall'anestesia generale circa una volta ogni 19.000 casi, secondo uno studio condotto lo scorso anno. E quando vengono utilizzati farmaci paralizzanti, il loro stato di veglia può passare inosservato all'équipe chirurgica. Un'eventualità ben poco rassicurante, che tuttavia potrebbe essere destinata a non verificarsi più: ci sono infatti sempre più prove, spiegano gli esperti, che la stabilità dell'attività cerebrale possa essere considerato un indicatore standard per segnalare quando una persona non è più sotto anestesia, permettendo agli operatori di intervenire. L'anestesista Alex Proekt e il suo team hanno usato griglie di elettrodi poste direttamente sul cervello di 4 scimmie, per registrare l'attività cerebrale quando gli animali perdevano coscienza a seguito di un'anestesia comune. Hanno quindi utilizzato modelli al computer basati sulla teoria dei sistemi dinamici, per verificare quanto stabile fosse questa attività. Secondo questa teoria, i sistemi stabili rispondono a cambiamenti ma poi ritornano a uno stadio di base, mentre i sistemi instabili vanno in tilt. Prendendo in considerazione anche un precedente studio condotto ad aprile con l'Istituto federale svizzero di tecnologia di Losanna, gli esperti americani hanno dimostrato che il cervello sotto anestesia "viene spinto verso il confine tra stabilità e instabilità in modo da eseguire una danza delicata da uno stato all'altro". I medici attualmente possono utilizzare metodi come il monitoraggio elettroencefalografico dell'attività cerebrale per verificare se un paziente è ancora incosciente o meno. Eppure i segnali che questi sistemi sfruttano variano con la profondità dell'anestesia, e non funzionano nel caso di utilizzo di alcuni farmaci. Ma Proekt pensa di poter essere presto in grado di registrare e verificare efficacemente la stabilità dell'attività cerebrale in tempo reale, cosa che permetterà di valutare con maggiore precisione la coscienza delle persone in sala operatoria.

(09 Ago 2015)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Miasmi al Miami, il comitato di quartiere incontra l'Assessore

    10 Ott 2019 - Riunione nei giorni scorsi a palazzo Falcone per discutere della problematica che affligge i residenti da anni. Lo scorso anno era stato presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Civitavecchia. Ieri diverse le zone della città colpite dalla puzza di bruciato. Cerreto avvolto da una cappa di fumo. Odore acre avvertito fino a Valcanneto

  • Torna la “Marcia degli alberi”

    09 Ott 2019 - Il corteo sfilerà domenica mattina per alcune vie della città fino a raggiungere i giardini di via Firenze. Sabato in piazza Rossellini al via la seconda edizione di “Adotta e cresci una quercia”

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy