Home » » Porto, l’allarme della Filt Cgil: “Si rischia una crisi profonda”

 

Porto, l’allarme della Filt Cgil: “Si rischia una crisi profonda”

Il segretario Roma nord – Civitavecchia Alessandro Borgioni: “Stato di grossa difficoltà”. Il sindacalista prende in esame criticità e punti di forza ed esorta alla creazione di un tavolo di crisi per trovare soluzioni

CIVITAVECCHIA - “Il porto di Civitavecchia e la parte retro portuale stanno vivendo uno stato di grossa difficoltà che se non gestite nei tempi e nei modi dovuti può sfociare in una crisi profonda al limite dell’irreversibilità”.

È l’appello di Alessandro Borgioni il segretario generale della Filt Cgil Roma nord – Civitavecchia che fa un’analisi accurata delle criticità e dei punti di forza dello scalo cittadino. Crociere, container, collegamenti stradali, rinfuse, agroalimentare e auto motive: sono questi gli argomenti affrontanti da Borgioni.

“Quando si parla di portualità su Civitavecchia – spiega il segretario generale – si associa il sito al primato riconosciuto di leader nelle crociere, ma non si vive solo di questo. Si ha sempre più la sensazione che i porti commerciali dell’Italia centrale tirrenica siano Livorno e Napoli – evidenzia – su cui sono previsti investimenti e sviluppo”.

Per quanto riguarda la situazione container Borgioni la definisce “disastrosa. A fronte di un bacino, quello romano, che utilizza circa un milione di container, il porto ne movimenta circa 40mila, di cui molti vuoti. Una concessione così lunga come quella assegnata ad uno degli armatori più importanti del mondo non giustifica questi risultati. Si faccia chiarezza – continua – e si intervenga. Il porto e il territorio sono affamati di merci”. Altro punto toccato da Borgioni è il completamento della superstrada Civitavecchia – Orte “che, nonostante i vari consensi delle istituzioni stenta a partire – prosegue amareggiato – il completamento dell’opera è fondamentale per rendere competitiva tutta la Regione Lazio che, in questa parte del territorio, non ha le infrastrutture necessarie sia sulla gomma ma anche sul ferro”.

Il segretario generale Filt Roma nord – Civitavecchia parla anche delle “merci alla rinfusa. La crisi delle acciaierie di Terni priva il porto di un traffico, quello del ferrocromo, che per anni ha fornito linfa vitale al lavoro. Oggi – incalza Borgioni – vengono lavorate solo alcune navi di materiali poveri che occupano molto spazio e che non permettono margini di resa tali da poter garantire lavoro sano e lungimirante”. Secondo Borgioni a questo va a sommarsi una “burocrazia complessa” che rende queste attività difficili da gestire.

Pollice in su per l’agroalimentare “in controtendenza – evidenzia Borgioni – evidenziando una crescita che potrebbe aumentare ulteriormente portando Civitavecchia a diventare uno dei principali hub del settore. Purtroppo anche qui problemi di natura amministrativa, che vedono vari soggetti in contrapposizione e una gestione delle controversie lenta e farraginosa, corrono il rischio di mettere un freno allo sviluppo dei traffici”.

La situazione più preoccupante però, secondo Borgioni, è quella dell’automotive. “La sana occupazione scaturita da questo traffico, dedicato quasi esclusivamente alla movimentazione delle autovetture nuove del gruppo Fca, prodotte negli stabilimenti di Melfi e Cassino si è fermata, i treni previsti sono stati sospesi. Il fermo delle auto – allerta il sindacalista – apre le porte ad una situazione devastante, più di 100 lavoratori che da domani non hanno più niente da fare, piazzali vuoti e grande incertezza per il futuro”.

La soluzione di Borgioni è un’individuazione rapida e capillare di soluzioni, anche grazie all’intervento della politica del territorio “troppo spesso – dichiara – distratta e assente. Proviamo ad aiutare il porto e il territorio circostante, apriamo da subito un tavolo di crisi presso la Regione Lazio che coinvolga istituzioni interessate e stakeholder del settore. Successivamente – conclude Borgioni – tutti i soggetti coinvolti costruiscano un patto di rilancio”.       

(28 Nov 2017 - Ore 16:12)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Nitticora (foto Giovanni Canu)

Civitavecchia, L'occhio

Quiete dorata (foto Pina Irato)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

  • Legavela, a Livorno la prima tappa nazionale

    20 Apr 2018 - L’Accademia Navale, in collaborazione con il Circolo Velico Antignano, porta nelle acque del porto toscano 12 circoli della Liv

  • Punto e a capo

    20 Apr 2018 - Inutili le trattative. Incontri, veti e schemi non bastano. Si torna al punto di partenza.  ...

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy