Home » » Gli ‘‘alieni’’ invadono il Mediterraneo: più di 800 specie alloctone

 

Gli ‘‘alieni’’ invadono il Mediterraneo: più di 800 specie alloctone

Dai pesci tossici alle alghe infestanti, 600 quelle che ormai vivono stabilmente nel Mare Nostrum

Pesci tossici, granchi tropicali, alghe infestanti. Le specie aliene invadono il Mediterraneo: più di 800 quelle segnalate e di queste circa 600 vivrebbero ormai stabilmente nel Mare Nostrum. Un numero, quello dei ritrovamenti di specie alloctone nel Mediterraneo, che è triplicato dal 1980, mentre è raddoppiato negli altri mari.
Lo scorso anno, secondo la Società Italiana di Biologia Marina, solo sulle coste della nostra Penisola sono state segnalate almeno 186 specie esotiche, di cui 55 vegetali e 131 animali, senza considerare gli orgasmi unicellulari. La presenza di questi nuovi ospiti, però, riguarda non solo l’Italia ma l’intero Mediterraneo: secondo le ultime revisioni scientifiche, le specie alloctone osservate nel bacino sarebbero ad oggi 837, numero di gran lunga superiore a quello di tutti i mari europei, e le previsioni per il futuro non sono rassicuranti.
Il motivo di questa crescente presenza, secondo l’Ispra (che dedica all’argomento due progetti europei, Life Asap e Mpa Adapt) è l’aumento delle temperature e della salinità del Mar Mediterraneo. Risultato: ad oggi, almeno 42 nuove specie ittiche sono state osservate nei mari italiani. Ma come arrivano gli ‘alieni’ nei nostri mari? Per mano dell’uomo, ad esempio attraverso il canale di Suez o con il trasporto navale, o viaggiando per conto loro dall’Oceano Atlantico attraverso lo Stretto di Gibilterra.
A preoccupare particolarmente è la veloce espansione geografica del pesce scorpione (Pterois miles), originario del Mar Rosso e altamente invasivo, dotato di spine dorsali, anali e pelviche velenose che possono causare punture molto dolorose. Ha già raggiunto le coste tunisine e un individuo è stato osservato lungo le coste siciliane, si prevede un’ulteriore espansione geografica nei prossimi anni. Il rischio riguarda principalmente i possibili impatti ecologici di questo nuovo predatore. Inoltre, pescatori e sub che possono pescarli o avvicinarli durante le immersioni devono stare molto attenti a non pungersi.
Altra specie potenzialmente pericolosa è il Lagocephalus sceleratus o pesce palla maculato, di origine tropicale e altamente tossico al consumo. Si riconosce dalla presenza di puntini scuri sul dorso e la banda argentea sui fianchi. Le mandibole sono provviste di due grandi denti molto taglienti. Avvistato per la prima volta nel Mar Mediterraneo nel 2003, oggi ha invaso buona parte del bacino levantino. Altre specie ittiche invasive sono il pesce flauto (Fistularia commersoni), e il pesce coniglio (Siganus luridus) dotato di spine velenose.
Oltre ai pesci, alcune alghe invasive come la Caulerpa cylindracea e la Lophocladia lallemandii possono provocare impatti severi sugli habitat naturali ricoprendo i fondali e mettendo a rischio la salute degli ecosistemi costieri. Altre, come lo ctenoforo Mnemiopsis leidyi, introdotto tramite le acque di zavorra, possono incidere gravemente sulle risorse di pesca con seri impatti per il settore. Per arginare il fenomeno, l’8 settembre entrerà in vigore la convenzione dell’Organizzazione Internazionale Marittima (Imo, un’agenzia specializzate delle Nazioni Unite) che renderà obbligatorie misure come il trattamento delle acque di zavorra.

(03 Ago 2017 - Ore 18:50)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Pioggia (foto Mauro Mari)

Civitavecchia, L'occhio

Louvre (foto Emiliano Veroni)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy