MERCOLEDì 13 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 22:11

Home » » Dolori e vescicole: l’Herpes zoster colpisce 200mila italiani all’anno

 

Dolori e vescicole: l’Herpes zoster colpisce 200mila italiani all’anno

Antonio Volpi, associato di Malattie infettive: "In arrivo un vaccino ‘‘scudo’’"

Un minuscolo nemico si annida nel sistema nervoso, rimanendo in silenzio anche per decenni, prima di farsi sentire. L’Herpes zoster è causato dalla riattivazione del virus-varicella zoster, lo stesso della varicella. Causa un dolore bruciante: non è un caso se la malattia è nota anche come Fuoco di Sant’Antonio e «si manifesta fondamentalmente proprio col dolore, che nel 90% dei casi precede la comparsa di un rush cutaneo, che poi si trasforma in vescicole a grappolo. Questo può accadere a vari livelli, in genere sul tronco, talvolta sul viso, ma può colpire tutto il corpo». A spiegarlo all’AdnKronos Salute è Antonio Volpi, associato di Malattie infettive all’Università di Roma Tor Vergata. «L’Herpes zoster colpisce soprattutto al di sopra dei 50 anni, possiamo considerare che 150-200 mila italiani l’anno» facciano i conti con questa malattia. Esiste un gruppo più a rischio? «Il pericolo aumenta con l’età, notevolmente al di sopra dei 50 anni. A 80 anni - dice lo specialista - se una persona ha avuto la varicella, normalmente si dice che ha il 50% di possibilità di avere l’Herpes zoster nel corso della vita. Quindi il fattore di rischio più importante è l’età». Ma allora cosa risveglia questo microrganismo, dopo tanto tempo? «Probabilmente c’è un’immunosenescenza: con l’invecchiamento il sistema immune diventa più debole nei confronti di questo virus, che si slatentizza e ridiscende il nervo, provocando il dolore e le manifestazioni cutanee», suggerisce l’esperto. La buona notizia è che il Fuoco di Sant’Antonio oggi si può prevenire. «Abbiamo attualmente un vaccino che ha una buona efficacia (oltre 50%), ma prossimamente ne arriverà anche in Italia uno nuovo, già approvato dalla Food and Drug Administration americana e dell’autorità canadese, che ha una potenza nettamente superiore - sottolinea Volpi - in quanto protegge nel 97% dei casi, dunque nella quasi totalità».

(17 Nov 2017 - Ore 19:55)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Louvre (foto Emiliano Veroni)

Civitavecchia, L'occhio

Fumi (foto Fabrizio Rocchetti )

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy