Home » » ''Basta con la sporcizia e il degrado''

 

''Basta con la sporcizia e il degrado''

Alcuni operatori hanno depositato nei giorni scorsi in Comune una relazione di 57 pagine «Abbiamo un lido in condizioni igienico-ambientali insostenibili»

TARQUINIA - È tempo di correre ai ripri, prima che sia troppo tardi per una località turistica di Tarquinia, il Lido, entrata finalmente nel vivo della presenza di visitatori e balneari. Ma qualcosa non funziona e gli utenti di Tarquinia Lido si ribellano. «No alla costrizione di dover uscire da casa e vedere, per prima cosa, un penoso mix di sporcizia e degrado – tuonano Alessio Gambetti e Laura Liguori - le condizioni dell’area sono diventate a dir poco inaccettabili, e non è più possibile tacere dinanzi al protrarsi di una situazione simile».

E’ per questo che venerdì scorso è stata presentata ufficialmente in Comune una relazione di 57 pagine che descrive le «quantomai critiche condizioni igienico-ambientali in cui versa il Lido».

Nello specifico, la relazione fotografa, con l’aiuto di immagini, segnalazioni e testimonianze, «il problema dell’abbandono seriale di rifiuti ingombranti, l’insufficienza dei cassonetti, l’incuria dei lotti inedificati e l’infestazione di roditori, i problemi connessi ai pini marittimi e la sporcizia che rovina l’immagine delle spiagge e danneggia l’intero ecosistema».

Il report, creato per trasmettere alla nuova amministrazione informazioni puntuali ed estremamente dettagliate, «é espressione del disagio e delle condizioni critiche in cui sono costretti a vivere i residenti e più in generale tutti gli utenti di Tarquinia Lido - spiegano Alessio Gambetti e Laura Liguori - che, giunti al culmine dell’esasperazione, hanno deciso di attirare sin dall’inizio l’attenzione del nuovo corso comunale sul problema. Proprio a tal fine, a corredo della relazione vi sono suggerimenti, consigli e rimandi alle best practices già messe in atto dalle realtà vicine, per la serie: se loro possono farlo, possiamo farlo anche noi». «Il leitmotiv del lavoro, svolto nell’arco di due mesi con la collaborazione di vari proprietari di immobili – concludono i due giovani Gambetti e Luguori - è l’appello ad operare una politica di prevenzione dei fenomeni trattati, con particolare riguardo a quello concernente i rifiuti, anche in un’ottica di maggiore rispetto nei confronti del personale atto allo smaltimento degli stessi, ad oggi costretto ad interventi quotidiani, continui ed incessanti».

(16 Lug 2017 - Ore 08:34)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Evitato un disastro ambientale

    20 Giu 2018 - Assovoce in pattugliamento antincendio interviene tempestivamente su una discarica abusiva a Monte Abatone data alle fiamme. Il presidente Giuseppe del Regno: « E’ intervenuta la Polizia locale, la Asl  e i Carabinieri forestali; chiesto anche l’ausilio delle guardie ecozoofile per la presenza di animali vivi minacciati dal rogo» VIDEO

  • Rifiuti abbandonati, arriva Ecopoint

    18 Giu 2018 - Con l'app i cittadini potranno segnalare la presenza di discariche abusive e monitorare lo stato di avanzamento della segnalazione fino alla chiusura della pratica. VIDEO1 VIDEO2

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy